Arkadiusz Milik

Il Napoli si tuffa nel dopo-Higuain prendendo Arkadiusz milik dall’Ajax

L’attaccante è cresciuto nel settore giovanile del Rozowoj Katowice, squadra di terza divisione polacca mostrando sin da subito un buon feeling col gol segnando 4 reti nelle 10 presenze in prima squadra nella stagione 2010/11.

Nonostante le lusinghe di alcuni club stranieri Arkadiusz milik preferisce rimanere in Polonia passando al Gornik Zabrze, squadra della massima serie, nella quale gioca 24 volte, la metà da titolare, andando a segno 4 volte con la maglia biancoblu. Le caratteristiche di Milik si delineano sin da subito: fisico longilineo e tiro mancino preciso e puntuale, attaccante che ama partecipare attivamente all’azione offensiva non a caso sa giocare sia come unica punta che insieme ad un compagno d’attacco senza veder calare il suo rendimento.

L’anno dopo Arkadiusz milik parte di gran carriera e segna 7 gol in metà stagione ed a gennaio 2013 arriva la prima chiamata importante, dalla vicina Germania si fa sotto il Bayer Leverkusen che lo acquista senza però dargli quella fiducia e spazio necessario per affermarsi. Eppure nelle 4 volte che scende in campo Milik segna ben 5 reti. L’anno successivo passa all’Augsburg dove però parte spesso dalla panchina non avendo la fiducia del tecnico Weinzierl. Ma Milik ha ancora estimatori e la svolta nella sua carriera arriva col passaggio all’Ajax. In Olanda esplode il suo talento, dopo una prima stagione in doppia cifra ed una sestina realizzata in Coppa, nella scorsa annata ha siglato ben 24 marcature, 21 in campionato, conquistando definitivamente il posto in nazionale di fianco a Lewandowski, cui spesso è stato paragonato. Ora arriva in Italia per confermarsi nel Napoli.
Consigli Fantacalcio

Arriva in Napoli dopo un’operazione di mercato importante, ma rimane un’incognita. Le difese olandesi non brillano per solidità e l’adattamento non sarà immediato ma come abbiamo visto anche all’Europeo è uno che ci sa fare. Bisogna capire se sarà la prima scelta o in ballottaggio con Gabbiadini con cui consigliamo di prenderlo se possibile, è un buon nome su cui puntare ma con moderazione. In pratica acquisto utile, ma non aspettatevi miracoli, almeno al primo anno.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *